Come investire in francobolli, monete d’oro, auto d’epoca, orologi

Tra gli investimenti alternativi che permettono di compiere scelte in sicurezza e tranquillità ottenendo comunque buoni risultati, vi sono senza dubbio molti oggetti da collezione: dai francobolli alle monete antiche, dalle auto e moto d’epoca agli orologi antichi, per non parlare dei tanti altri oggetti collezionabili non di lusso. Naturalmente, mai come in questi mercati gli scambi avvengono soprattutto fra specialisti e appassionati.

1) INVESTIRE IN FRANCOBOLLI 

I francobolli sono oggetti da collezione che a differenza dell’oro (il cui prezzo è soggetto a sali e scendi continui) non si svalutano mai, anzi si rivalutano nel tempo e trovano sempre un mercato, per cui rappresentano un valido investimento sul medio o lungo termine, in pratica 10 o 20 anni. Inoltre, l’investimento in francobolli non è soggetto a tassazioni per il collezionista privato e si può effettuare anche partendo da cifre non elevate. Particolarmente adatti all’investimento sono gli esemplari pregiati e le rarità del periodo “classico”: 1840-1930. Il più famoso francobollo italiano – il Gronchi Rosa del 1961 – vale oggi circa 1.000 euro e addirittura 30.000 euro se affrancato, ma il costo dei francobolli può variare da quasi zero a milioni di euro, dunque ognuno può realizzare una collezione adatta alle proprie tasche. Non a caso, pare che il collezionare francobolli sia l’hobby più diffuso al mondo.

zzzz3638

2) COLLEZIONARE MONETE ANTICHE 

Le monete antiche – in particolare quelle di epoca romana – rappresentano un ottimo oggetto da collezione e un buon investimento in quanto oggi è possibile acquistarle a prezzi bassi, grazie all’offerta di monete provenienti da Paesi dell’Est (dove le vendono a un prezzo inferiore al loro effettivo valore) ed al miglioramento delle tecnologie impiegate per la ricerca nel sottosuolo. Lo stesso dilettante può divertirsi a cercarle con un metal detector. Altre monete antiche che si possono collezionare sono quelle greche. Lemonete rare sono fatte d’oro, d’argento e di platino. Perciò, secondo gli archeologi e gli esperti, il valore di queste monete è destinato ad aumentare, anche per il crescente numero di appassionatiche si dedicano, grazie a Internet, a questo tipo di collezione e alla probabile riduzione dell’offerta nei prossimi anni, con conseguente aumento della domanda.

3) AUTO E MOTO STORICHE 

Sul lungo periodo, le quotazioni delle auto e delle moto d’epoca risultano più redditizie di molto investimenti finanziari, anche se le auto antiche “importanti” già oggi costano molto e il rimessaggio, la manutenzione e la tassa di possesso sono dispendiosi. Se quindi si investe in auto d’epoca per passione, di sicuro si fa un affare, se invece si punta soltanto all’aspetto economico allora, a meno che non si tratti di modelli molto particolari e rari, si tratta di una scommessa che spesso si vince – soprattutto se i mezzi sono tenuti bene e non si ha fretta di realizzare – ma che si può anche perdere. Inoltre, si possono acquistare auto in procinto di diventare storiche e rivenderle quando sono effettivamente storiche con relativacertificazione di storicità rilasciata dall’ASI, che è più un’attività commerciale, oppure tenerle per investimento vero e proprio, con orizzonte il medio o lungo termine.

zzzz7438

4) INVESTIRE IN OROLOGI D’EPOCA 

Orologi d’epoca come investimento. Stiamo parlando di Rolex in edizioni limitate, di Vacheron Costantin retrò e di Cartier senza tempo – tutti oggetti di grande fascino di per sé, tanto più se usati da figure come stelle del cinema o altri personaggi famosi degli anni Cinquanta o giù di lì – ma anche di oggetti più antichi, e quindi non da polso. Certamente, acquistare orologi di marche storiche importanti è semplice, più difficile è puntare solo su prodotti altamente selezionati, per qualche motivo “speciali”, oppure orologi di epoche precedenti e dunque davvero antichi, che possano un domani rivelarsi un investimento solido. Tuttavia, il mercato è molto serio ed i prezzi di mercato sono ben precisi, per cui le case d’aste vedono oggi anche in tale settore un notevole fermento, e questo tipo di investimento diventerà sempre più diffuso tra chi cerca un rifugio sicuro per il proprio denaro.

5) ALTRI OGGETTI COLLEZIONABILI 

Collezionare auto, orologi, monete, francobolli o comunque comprare questi oggetti d’epoca o antichi, se ben selezionati, può costituire un buon investimento. Esistono, però, tanti altri beni non di lusso, più omeno preziosi e più o meno bizzarri, i quali possono essere oggetto di una nostra collezione che, se soddisfa certi requisiti – di completezza, di cura degli oggetti raccolti, di “vecchiaia”, etc. – può regalare nel tempo delle soddisfazioni economiche, sempre che si trovino acquirenti interessati all’articolo. Eccone unelenco parziale: libri rari, cartoline, fotografie, pubblicità, strumenti di misura, dischi, spartiti, scacchi escacchiere, soldatini medioevali, giocattoli antichi, clessidre, bastoni da passeggio, porcellane cinesi, carte telefoniche, vetri d’epoca, vecchie mappe, armi antiche, etc. E in molti di questi campi la creazione di collezioni importanti non richiede investimenti elevati.

zzzz7227



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *