Come scegliere un fondo obbligazionario

zz6678I fondi obbligazionari gestiti in maniera professionale possono diversificare molto facilmente il portafoglio di un investitore e fornire un flusso costante di reddito da interessi. I sottoscrittori hanno inoltre la possibilità di ricevere i loro pagamenti degli interessi in contanti o di reinvestirli.

I fondi obbligazionari gestiti possono detenere obbligazioni aziendali, municipali e governative, oppure possono concentrarsi su obbligazioni internazionali e settori obbligazionari diversi. È possibile la ricerca e selezione di un fondo obbligazionario che corrisponde ai criteri di rischio e rendimento del cliente.

In generale, i fondi comuni azionari offrono rendimenti più elevati rispetto ai fondi obbligazionari nel lungo periodo, ma il ritorno più elevato si paga, naturalmente, con un rischio più elevato. I fondi obbligazionari tendono ad essere meno volatili rispetto ai fondi azionari, e possono essere anch’essi una fonte di reddito costante. Pure all’interno del mondo dei fondi obbligazionari, comunque, ci sono diversi livelli di rischio e rendimento.

È una buona idea che il vostro fondo possieda un mix di obbligazioni governative e societarie, che hanno diversi livelli di rischio e offrono diversi livelli di rendimento. Naturalmente, ciò lascia ancora un sacco di fondi tra cui scegliere. Quali sono dunque i fattori specifici da prendere in considerazione quando si sceglie un fondo obbligazionario in maniera intelligente e razionale?

Il primo passo per la scelta del fondo che fa al caso vostro è determinare i vostri obiettivi di investimento. Le persone che cercano il più alto reddito possibile dovrebbero investire in un fondo obbligazionario ad alto rendimento. Se siete alla ricerca di sicurezza più un rendimento ragionevole, potete puntare su un fondo obbligazionario investment grade di alta qualità.

Valutate sempre il rischio di credito di un fondo. Un’obbligazione è un prestito. Il rischio di credito è la possibilità che l’istituzione a cui si sta prestando denaro non ve lo restituisca. Un Titolo di Stato del Tesoro americano è considerato a rischio molto basso, mentre le obbligazioni societarie sono più rischiose. Le obbligazioni con un rating elevato sono le più sicure, mentre quelle al di sotto del rating BBB non sono considerate obbligazioni  “investment grade”.

Considerare quindi attentamente il rating di credito del soggetto giuridico che emette le obbligazioni. Per esempio, se siete interessati ad obbligazioni societarie, leggete il prospetto per individuare le aziende che li vendono. Utilizzate un servizio di rating del credito online come Moody, Standard & Poors e Fitch per trovare il relativo rating di credito e fate le vostre considerazioni in merito.

Decidete poi quanto capitale volete rischiare. Gli investitori avversi al rischio potrebbero prendere in considerazione un fondo obbligazionario conservativo, ovvero che ha la conservazione del capitale come sua priorità assoluta. Gli investitori a proprio agio con un rischio maggiore possono invece selezionare un fondo obbligazionario ad alto rendimento, che contiene obbligazioni societarie di basso grado oppure titoli di Stato emessi dai mercati emergenti.

Infine, utilizzate un fornitore di dati finanziari online gratuito per lo screening di vari fondi obbligazionari di diverse società di intermediazione. Confrontate i costi e le spese che ogni fondo obbligazionario addebita ai suoi sottoscrittori. Commissioni di gestione elevate e spese varie possono trasformare un rendimento dei titoli attraente in uno mediocre. Cercate fondi con bassi rapporti di spesa, e non trascurate i fondi obbligazionari che non si fanno pagare una commissione di investimento iniziale.

Le spese, infatti, fanno una grande differenza per qualsiasi investitore, ma sono particolarmente importanti quando si valutano i fondi obbligazionari. Questi ultimi, infatti, tendono ad avere rendimenti potenziali più bassi rispetto ai fondi azionari, il che significa che uno stesso euro in spese rappresenta una quota più grande del vostro ritorno potenziale. Cercate quindi un fondo con una spesa media o, meglio ancora, al di sotto della media.

Più basso è il rischio, più le spese contano. I fondi obbligazionari più rischiosi hanno rendimenti potenziali più elevati, ma le spese non sono necessariamente più elevate. Le spese del fondo sono legate ai costi, non ai ritorni. Più i tassi di interesse sono bassi, più le spese contano. Bassi tassi di interesse significano che il flusso di reddito del fondo sarà più basso, il che ingrandisce anche l’impatto delle spese sul ritorno economico.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *