Fondi di fondi: definizione, costi, vantaggi, rendimenti

zzzz38001) FONDI DI FONDI: IN COSA INVESTONO 

I fondi di fondi sono fondi comuni che, anziché investire il denaro raccolto in attività finanziarie primarie (cioè direttamente in titoli azionari od obbligazionari), investono in altri fondi di investimento –preferibilmente gestiti da gestori diversi di varie SGR, anche straniere – con l’idea di selezionare in maniera oggettiva per conto dell’investitore i migliori fondi della tipologia prescelta e di puntare su quelli per avere una performance più elevata della media, basandosi dunque sui rendimenti passati, sulle classifiche e sulle valutazioni di Morningstar e Standard&Poor’s, e senza guardare a nazionalità o gruppo bancario di appartenenza. Tecnicamente, i fondi di fondi sono “fondi aperti non armonizzati UE” e il valore della loro quota viene pubblicato ogni giorno, come per tutti i fondi comuni.” 

2) RENDIMENTO E IMPIEGO IDEALE DI QUESTI FONDI 

I fondi di fondi offrono la possibilità di investire solo sui migliori gestori presenti sul mercato, e ciò in generale dovrebbe portare a performance migliori. In pratica, l’attività di questi fondi assomiglia a quella delle Gestioni Patrimoniali in Fondi (GPF), con la differenza che i fondi di fondi sono OICR (Organismi diInvestimento Collettivo del Risparmio) – cioè si rivolgono a più piccoli investitori contemporaneamente – mentre le GPF sono una forma di investimento individuale, non destinata ad i piccoli investitori. Rispetto alle GPF, inoltre, i fondi di fondi garantiscono una maggiore trasparenza e una maggiore economicità di commissioni. Rappresentano quindi lo strumento ideale per chi vuole investire in fondi, usandoli al posto dei singoli fondi che avrebbe altrimenti scelto.

3) RISCHI ASSOCIATI

Uno dei vantaggi dei fondi di fondi è l’ampia diversificazione che permettono, poiché, oltre a ripartire il patrimonio su aree geografiche diverse, su valute diverse e su merci diverse, puntano su gestori diversi, dunque riducono il “rischio gestore”, che spesso è il punto debole dei fondi azionari o con una forte componente azionaria, fermo restando che permangono tutti i rischi specifici della categoria di singoli fondi in cui si investe. Esiste inoltre un rischio gestore non legato ai singoli fondi ma al fondo di fondi stesso: il “conflitto di interesse”. Infatti, in Italia non esistono quasi per niente società indipendenti che siano impegnate esclusivamente nel risparmio gestito, ma in genere queste sono promosse da gruppi bancari, assicurativi o industriali: pertanto, in un periodo di calo della Borsa, potrebbero favorire i fondi o i titoli del gruppo di appartenenza, a discapito degli interessi dell’investitore.

zzzz4421

4) COMMISSIONI VARIE E SVANTAGGI 

I costi dei fondi di fondi rappresentano anche il loro svantaggio. Infatti, il sottoscrittore di tali fondi, oltre alla commissione di ingresso nel fondo di fondi, paga – o rischia di pagare – anche quella deisingoli fondi comuni in cui il fondo investe. In altre parole, si pagherebbero sostanzialmente doppie commissioni a causa del doppio livello di intermediazione. Per questa ragione, stanno nascendo fondi di fondi che applicano una “commissione unica”, comprensiva di quella del fondo stesso e degli strumenti in cui va ad investire. Si pone inoltre un significativo problema di trasparenza degli investimenti, potendo non essere chiara, talvolta, l’esatta destinazione economica delle somme investite, anche se le cose sono migliorate molto anche da questo punto di vista.

5) ESEMPIO DI FONDI DI FONDI

Un ottimo esempio di sistema di “fondi di fondi” è il BG Selection del Gruppo Banca Generali, una Sicav lussemburghese multimanager i cui comparti investono principalmente in altri fondi e Sicav. La gamma diprodotti è in questo caso composta da 15 comparti multibrand a gestione attiva: 3 comparti azionali globali, 6 comparti azionari specializzati per area geografica, 3 comparti flessibili, 1 comparto monetario. Il team di selezione di BG Selection Sicav, oltre alla scelta dei singoli prodotti, effettua un monitoraggio dei fondi inportafoglio, in base ad un mix di criteri quantitativi e qualitativi. Ciò consente di combinare le capacità gestionali di qualificate case d’investimento e di offrire ai risparmiatori le scelte di investimento più idonee a rispondere alle loro diverse richieste. In particolare, BG Selection si rivolge agli investitori che – accettando un grado di rischio da medio-alto a molto alto – vogliono cogliere le opportunità offerte dai mercati finanziari nel medio-lungo periodo.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *