Importo minimo per investire in borsa: qual è?

zz5679Il mercato azionario potrebbe sembrare essere il dominio dei grandi investitori, ma si può iniziare a fare trading di azioni di Borsa con pochi soldi, anche se siete una persona di mezzi modesti. Il lotto minimo acquistabile alla Borsa di Milano, ad esempio, è di una sola azione, e per ogni acquisto e vendita si paga una commissione che varia da banca a banca.

Fra l’altro, ormai quasi tutte le banche danno la possibilità al cliente di acquistare azioni, o allo sportello, ma anche comodamente da casa con il cosiddetto “trading online”. I principali operatori del mercato italiano, tra le banche che operano online, sono Fineco, Webank, IWBank, che permettono di acquistare azioni di gran parte delle Borse del mondo, o strumenti che investono in azioni (fondi comuni, ETF, etc.).

Il vostro primo acquisto di azioni, quindi, potrebbe tranquillamente costare meno di 100 €, ed è possibile aggiungere somme successivamente acquistando a piccoli incrementi. Una volta capiti tutti i modi in cui è possibile investire anche piccole somme di denaro nel mercato azionario, si può considerare quelli che si ritengono più adatti al proprio caso specifico. Vediamo perciò quali sono.

Molti fondi comuni di investimento richiedono un investimento minimo compreso, a seconda dei casi, fra 25 € e 1.000 €. Perché i fondi comuni caricano anche le tasse sulla base di una percentuale del vostro investimento, i costi saranno bassi in proporzione all’importo del vostro investimento.

Ad esempio, se un fondo si fa pagare il 3 percento del vostro investimento come commissione di vendita e si inizia con 25 €, si dovrebbero pagare solo 75 centesimi di tasse per iniziare. E si dovrebbe pagare la stessa tassa per ogni ulteriore 25 € che si mettono nel fondo. Quando si parla di investimento minimo con i fondi comuni di investimento, ci si riferisce non solo all’investimento iniziale, ma anche ai soldi che si aggiungono dopo. Un fondo con un minimo 250 € richiede almeno 250 € per ogni versamento aggiuntivo.

È possibile acquistare anche direttamente una quota di azioni, se si vuole, per meno di 5 €. Molte aziende offrono quote prestabilite nella gamma da 15 € a 25 €. Ma quando si tratta di acquistare azioni, è possibile acquistare una singola quota ad un prezzo che va da pochi centesimi fino a 25 €.

Per acquistare un’azione da casa, si dovrà aprire un conto di intermediazione online, ed utilizzare la piattaforma messa a disposizione dal broker. Alcuni di questi non hanno un minimo di investimento previsto, anche se va pagata una commissione ogni volta che si fa un trade. Per calcolare il minimo investimento, diciamo che se si desidera acquistare una quota di azioni di 20 € e il broker online si fa pagare 7 € per il trade sono necessari 27 € per iniziare con questo broker senza minimo.

Un piano di reinvestimento dei dividendi consente di acquistare azioni direttamente da una società. Non si paga alcun costo di intermediazione per l’acquisto. Si può iniziare a poco a poco con un minimo di circa 10 €. Ciò significa che si può mettere il denaro in grandi aziende ad un costo molto basso.

Tuttavia, se si riesce a soddisfare i minimi previsti dai fondi comuni, un gestore di denaro professionale gestisce il fondo. Egli prende tutte le decisioni su quali azioni acquistare. Il vostro investimento è diversificato in molti tipi di azioni relativi a società diverse. Se una delle azioni scende, altre possono salire compensando le altre in discesa. Insomma, si ha automaticamente un portafoglio diversificato.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *